mercoledì 15 gennaio 2014

*14 Special Guest: Tutto sotto controllo. Un corpo allo specchio


Ciao,

eccomi qui. Da tempo cari amici non ci siamo sentiti. È stato un periodo intenso di lettura, scambio di opinioni ed esperienze con tutti, lettori compresi, e di lavori in corso. Uno tra questi è terminato ed è, a differenza dei testi poetici, il mio primo racconto presentato in forma autonoma, e non come gli altri più brevi assieme a miscellanee di altri autori. Presento un tema sovraesposto nella pubblica opinione quanto superficiale nell'analisi. Cattura attenzione e incuriosisce forse per la caratteristica di apparire come risultato di processi psichici remoti fondamentali e di relazioni sociali pervasive in ogni accadimento del giorno. Risulta, in conseguenza, il paradosso di costituire un fatto personale e strettamente attuale. Doppia censura che afferma la malattia come causa, invece di costituire il sintomo e il segnale di sprofondare negli abissi.

Che cosa accade quando la cultura e la società determinando la scissione tra mente e corpo, sono viste con l'occhio della loro figlia (la tecnica)? Che cosa accade quando la volontà tesa a perseguire obiettivi gestibili e riducibili in termini di efficacia, rivolge le sue armi verso se stessa? E quando ancora l'occhio tronfio e illuso d'onnipotenza, vede l'abbandono e il fallimento già da sempre certificato? Un accadimento insospettato è che proprio la parte separata e creduta più debole, reagisca ed esponga il sovrappiù di ciò che siamo nell'irriducibile esistenza d'ognuno.



Aleksandr Rodchenko, Ritratto di Med Georgi-Petrusov 



Il libro in formato digitale (epub), di facile lettura con un programma universale di archiviazione gratuito come Calibre (scaricabile QUI )


lo si può reperire su

Ultimabooks:   QUI  

Bookrepublic:  QUI  

ebook.it           QUI

ebookizzati.it:  QUI   

Amazon           QUI – in formato kindle..








3 commenti:

  1. Bravo Lino, complimenti!!! Emma

    RispondiElimina
  2. Mi piace quello che scrivi...Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Bravo, come sempre. Complimenti, Lino! Sabrina :-)

    RispondiElimina